Breve storia della decrescita

Origine, obiettivi, malintesi e futuro

Traduzione di Fabrizio Grillenzoni

Acquista
«Decrescita»: che cosa si intende esattamente con questa parola? Un’inversione della curva di crescita del prodotto interno lordo, indice statistico che dovrebbe misurare la ricchezza? La fine dell’ideologia della crescita, ovvero del produttivismo?
Se la crescita è una fede nel progresso, allora la decrescita può sembrare la cifra di una perdita. Serge Latouche ci spiega che non è così. Mentre l’idea di una crescita infinita è negata in modo sempre più evidente dai limiti del pianeta, il mito della ricchezza e della produttività svela ogni giorno di più il suo lato oscuro.
È infatti sempre più probabile che, al di là di una certa soglia, l’aumento del PIL implichi una diminuzione del benessere. Nella società della produttività illimitata non aumentano solo le disuguaglianze, anche la felicità promessa ai «vincenti» si rivela un’illusione. All’aumento dei consumi corrisponde il degrado della qualità della vita (l’acqua, l’aria, l’ambiente), il ricorso sempre maggiore a strategie di compensazione (medicine per lo stress e altre patologie, i viaggi, lo svago), l’aumento dei prezzi di beni essenziali ogni giorno più scarsi (acqua, energia, spazi verdi).
La soluzione per Latouche è la decrescita. Che significa rompere con la società della crescita, con l’economia capitalistica, con il produttivismo e con l’occidentalizzazione del mondo. Ma anche recupero di quanto in questi anni è andato perduto: un senso del sacro che restituisca legittimità alla dimensione spirituale dell’uomo, in forme anche completamente laiche.
La decrescita come arte di vivere. Un’arte sobria e dalle forme variegate, di volta in volta da inventare e da costruire, un’arte, soprattutto, volta a vivere bene: in accordo con se stessi e con il mondo.

Titolo
Breve storia della decrescita
ISBN
9788833933054
Autore
Temi
Traduzione di
Fabrizio Grillenzoni
Anno
2021
Formato
Brossura
N° di pagine
144

  • I libri di Serge Latouche

Quel che resta di Baudrillard

Quel che resta di Baudrillard

S. Latouche

«Non sopportava di essere classificato e ha fatto di tutto per risultare inclassificabile».In quel «tutto»…

27,00€
Come reincantare il mondo

Come reincantare il mondo

S. Latouche

Quando si parla di economia non è azzardato dire che si tratti di una vera e propria religione. Come la religione…

10,00€
Il pianeta dei naufraghi

Il pianeta dei naufraghi

S. Latouche

Migranti e relitti si inabissano ogni giorno nei nostri mari, con una progressione da ecatombe. I «naufraghi dello sviluppo»…

16,00€
La decrescita prima della decrescita

La decrescita prima della decrescita

S. Latouche

Gli sbandieratori del produttivismo e dello sviluppismo – anche nella versione contrabbandata per «verde» o sostenibile –…

16,00€
Usa e getta

Usa e getta

S. Latouche

Secondo le aziende costruttrici, quella della vita a termine degli oggetti di consumo, soprattutto elettrici ed elettronici, sarebbe…

15,00€
Breve trattato sulla decrescita serena e Come sopravvivere allo sviluppo

Breve trattato sulla decrescita…

S. Latouche

«Non possiamo più sopportare né i nostri vizi né i loro rimedi». Il celebre motto di Tito Livio sembra concepito per la situazione…

16,00€
L’economia è una menzogna

L’economia è una menzogna

S. Latouche

I saperi che si ammantano di scientificità nascondono talora un cuore di fede, l’adesione ottenebrante a un credo. Serge Latouche…

15,00€
Dove va il mondo?

Dove va il mondo?

S. Latouche

Difficile sbagliare le previsioni a brevissimo termine, perché il futuro immediato è già qui. Meno coinvolgente il vaticinio…

8,00€
Limite

Limite

S. Latouche

All'economista che più ha scorticato l'idea dello sviluppo a ogni costo la storia recentissima non può che dar ragione. I sistemi…

10,00€
Per un’abbondanza frugale

Per un’abbondanza frugale

S. Latouche

Che cos'è mai l'abbondanza frugale, oltre a un ossimoro che lega provocatoriamente due opposti, a un'ennesima parola d'ordine…

15,00€
Come si esce dalla società dei consumi

Come si esce dalla società dei consumi

S. Latouche

Latouche riprende qui tutti i principali temi e le argomentazioni della sua riflessione sulla necessità di abbandonare la via…

16,00€
L’invenzione dell’economia

L’invenzione dell’economia

S. Latouche

Dall'autore del "Breve trattato sulla decrescita serena", ecco un saggio di interrogazione radicale sul terreno di una delle "invenzioni"…

18,00€
Breve trattato sulla decrescita serena

Breve trattato sulla decrescita serena

S. Latouche

La decrescita - sostiene l'autore - non è la crescita negativa. Sarebbe meglio parlare di "acrescita", così come si parla di…

12,00€
Come sopravvivere allo sviluppo

Come sopravvivere allo sviluppo

S. Latouche

Secondo Latouche, bisogna mettere in discussione i concetti di crescita, povertà, bisogni fondamentali, tenore di vita e decostruire…

11,00€
Giustizia senza limiti

Giustizia senza limiti

S. Latouche

Nelle prime due parti del libro Serge Latouche mette a confronto l'apologetica della società di mercato realizzata dalla scienza…

22,00€
La sfida di Minerva

La sfida di Minerva

S. Latouche

Di fronte al rischio cui è costantemente esposta la nostra civiltà, a causa della proliferazione tecnologica e scientifica,…

14,00€
La megamacchina

La megamacchina

S. Latouche

Nelle organizzazioni di massa l'uomo diventa l'ingranaggio di una meccanica complessa che raggiunge una potenza quasi assoluta:…

16,00€
Breve storia della decrescita

Breve storia della decrescita

S. Latouche

«Decrescita»: che cosa si intende esattamente con questa parola? Un’inversione della curva di crescita del prodotto…

16,00€