L’uomo è antiquato vol. 1

Considerazioni sull'anima nell'epoca della seconda rivoluzione industriale

Acquista
In questo libro pubblicato per la prima volta nel 1956 Günther Anders muove dalla diagnosi della «vergogna prometeica» – cioè dalla diagnosi della subalternità dell’uomo, novello Prometeo, al mondo delle macchine da lui stesso creato – per affrontare il tremendo paradosso cui la bomba atomica ha posto di fronte l’umanità, costringendola fra angoscia e soggezione.
La vergogna prometeica è legata anche a un senso di «dislivello», di non sincronicità, tra l’uomo e i suoi prodotti meccanici che, sempre più nuovi ed efficienti, lo oltrepassano, facendo sì che egli si senta «antiquato». Oltre che perfetta, la macchina è ripetibile, standardizzata, riproducibile in esemplari sempre identici; quindi possiede una specie di eternità che all’individuo umano è negata. Donde una rivalità, una impari gara dell’uomo, una inversione dei mezzi con
i fini, di cui Anders in questo libro analizza con straordinaria anticipazione tutta la portata. In particolare là dove tratta delle tecniche di persuasione, soprattutto radiofoniche e televisive che ci assediano con immaginifantasmi, sostanzialmente irreali, di fronte a cui diventiamo passivi, maniaci, incapaci di pensare e di comportarci liberamente.

Indice
Cronologia
parte prima
Della vergogna prometeica

parte seconda
Il mondo come fantasma e come matrice
Il modello fornito a domicilio
Il fantasma
La notizia
La matrice
Un tuffo in questioni di ordine più generale

parte terza
Essere senza tempo.
A proposito di En attendant Godot di Beckett

parte quarta
Della bomba e delle radici.
Della nostra cecità all’Apocalisse
Prime constatazioni terrorizzanti
Ciò che la bomba non è
L’uomo è inferiore a se stesso
Lo sviluppo della fantasia morale e la plasticità del sentimento
Radici storiche della cecità all’Apocalisse
Annichilazione e nichilismo
Parole di conclusione
Appendice

Titolo
L’uomo è antiquato vol. 1
ISBN
9788833918266
Autore
Collana
Anno
2007
Formato
Brossura
N° di pagine
322

  • I libri di Gunther Anders

Dopo “Holocaust” 1979

Dopo “Holocaust” 1979

G. Anders

Nel gennaio 1979 un fremito di orrore e vergogna sconvolse venti milioni di tedeschi. A innescare un tale sussulto morale collettivo,…

13,00€
Discesa all’Ade

Discesa all’Ade

G. Anders

Nel luglio 1966 Günther Anders, in compagnia della terza moglie Charlotte Zelka, raggiunge la Polonia, o meglio scende agli inferi,…

16,00€
L’uomo è antiquato vol.2

L’uomo è antiquato vol.2

G. Anders

Se la prima rivoluzione industriale è consistita nell'introduzione del macchinismo, se la seconda si riferisce alla produzione…

22,00€
L’odio è antiquato

L’odio è antiquato

G. Anders

In questo saggio Gunther Anders prosegue nella sua riflessione sull’obsolescenza delle emozioni e dei sentimenti, inutili fardelli…

9,00€
Amare ieri

Amare ieri

G. Anders

Queste annotazioni raccolte negli anni tra il 1947 e il 1949, sono un esempio magistrale di quella che Günther Anders ha definito…

16,00€
L’uomo è antiquato vol. 1

L’uomo è antiquato vol. 1

G. Anders

In questo libro pubblicato per la prima volta nel 1956 Günther Anders muove dalla diagnosi della «vergogna prometeica»…

22,00€