I luoghi di transito come gli aeroporti o di spensierato relax come hotel e villaggidi vacanze stanno diventando facili obiettivi di una violenza che ci spaventa, ma che ci ostiniamo a non capire. Sempre pù spesso ne sono il bersaglio innocenti turisti, in quanto «ambasciatori» di un'antipatica società opulenta. Dopo i cannibali e i briganti, i terroristi: la paura del rischio e delle disavventure di viaggio ha prodotto e sta generando un turismo sorvegliato e militarizzato. Come andrà a finire? Come viaggeremo in futuro? Inseguendo e smascherando la logica del controllo della mobilità, questo ragionamento antropologico sul «corpo andante» spazia dall'antica persecuzione dei vagabondi agli scenari immaginati dalla fantascienza. Ed è al contempo una critica, colta e ironica, delle vacanze blindate e della nostra ossessione per la sicurezza. Con una modesta proposta finale.

Titolo
Non sparate sul turista
ISBN
9788833915173
Autore
Collana
Anno
2004
Formato
Brossura
N° di pagine
148

  • I libri di Duccio Canestrini

Antropop

Antropop

D. Canestrini

Cosa può succedere se Ken, il fidanzato di Barbie, viene a sapere che la sua amata bambolina è la causa della deforestazione…

17,00€
Non sparate sul turista

Non sparate sul turista

D. Canestrini

I luoghi di transito come gli aeroporti o di spensierato relax come hotel e villaggidi vacanze stanno diventando facili obiettivi…

9,50€