I gradi dell’organico e l’uomo

Introduzione all'antropologia filosofica

Acquista
Scritto sotto l’impulso «delle profonde tensioni allora esistenti fra scienze della natura e filosofia», I gradi dell’organico e l’uomo (1928) si avventura in una grandiosa impresa di pensiero: «afferrare da un unico punto di vista la graduazione del mondo organico», ossia identificare la «logica della forma vivente» – vegetale, animale e umana – rispetto all’inanimato. La formulazione-chiave a cui perviene Helmuth Plessner è la sostanziale eccentricità dell’uomo all’interno del vivente. Unico tra gli esseri a distanziarsi dall’ambiente e dagli istinti, per compensare questo squilibrio costitutivo e garantirsi una specifica forma di esistenza deve ricorrere all’«aiuto delle cose extranaturali, che scaturiscono dal suo creare». Insomma, l’uomo «è per natura artificiale». Un’idea che risuonerà a lungo nell’antropologia filosofica del Novecento.

Titolo
I gradi dell’organico e l’uomo
ISBN
9788833932033
Autore
Collana
Temi
Anno
2019
Formato
Brossura
N° di pagine
439

  • I libri di Helmut Plessner

I gradi dell’organico e l’uomo

I gradi dell’organico e…

H. Plessner

Pubblicata nel 1928, un anno dopo Essere e tempo di Heidegger, l’opera capitale di Plessner – tradotta…

50,00€
I gradi dell’organico e l’uomo

I gradi dell’organico e…

H. Plessner

Scritto sotto l’impulso «delle profonde tensioni allora esistenti fra scienze della natura e filosofia», I gradi…

25,00€