Per l’autrice di Le origini del totalitarismo e La vita della mente l’educazione sentimentale, intrecciata con la formazione filosofica, cadde negli anni piu critici della Repubblica di Weimar: nell’imminenza dell’avvento del nazismo che la costringera all’esilio, prima a Parigi, poi a New York. L’esperienza della persecuzione, della fuga e della perdita di una patria di cui continuera a venerare lingua e cultura, restera decisiva per colei che si era laureata nel 1929 con una tesi sul concetto di amore in sant’Agostino. Seguira la militanza nel movimento sionista, in seguito abbandonato; l’interpretazione del fenomeno totalitario; lo scandalo suscitato dalla tesi della "banalita del male", a proposito del processo Eichmann a Gerusalemme; l’insegnamento alla New School for Social Research di New York e la fama mondiale.
La vita di Hannah Arendt, che s’intreccia in tempi e modi diversi con quelle di Martin Heidegger, Karl Jaspers, Gunther Anders (suo primo marito), Walter Benjamin, Hermann Broch e, naturalmente, con quella dell’amato Heinrich Blucher, esigeva una "biografia filosofica" come questa, documentata e sensibile, attenta a situare il pensiero della protagonista sullo sfondo delle vicende storiche, ma anche dei rapporti personali, delle amicizie e degli amori che lo nutrirono.

Titolo
Hannah Arendt
ISBN
9788833916590
Autore
Collana
Anno
2006
Formato
Brossura
N° di pagine
639

  • I libri di Elisabeth Young-Bruhel

Hannah Arendt

Hannah Arendt

E. Young-Bruhel

Per l’autrice di Le origini del totalitarismo e La vita della mente l’educazione sentimentale, intrecciata…

16,00€