I frutti puri impazziscono

Etnografia, letteratura e arte nel secolo XX

Rispetto alla letteratura antropologica corrente, centrata sul concetto di cultura, I frutti puri impazziscono costituisce un punto di svolta: per la prima volta, infatti, l’attività degli etnografi – degli «scienziati» – è vista, con piena consapevolezza teorica, come parte della generale storia intellettuale della modernità, e soprattutto come produzione letteraria, attraverso la quale si ristruttura la coscienza dell’Occidente. Una storia in cui rientrano la fondazione del Musée de l’Homme e la spedizione transafricana Dakar-Gibuti, ma anche una suggestiva esplorazione dei rapporti tra surrealismo ed etnografia, la lettura parallela di Conrad e Malinowski, oltre che saggi su Segalen, Leiris, Césaire e la discussione di Orientalismo di Edward W. Said. Clifford muove da una constatazione: ci troviamo tutti in una condizione di «modernità etnografica», spiazzati in mezzo a tradizioni culturali disgregate, vittime di un’instabilità e di uno sradicamento che sono ormai un destino comune. E tuttavia, proprio da quella che potrebbe apparire una catastrofica perdita di autenticità e purezza, emerge la possibilità di una indefinita ricomponibilità degli antichi oggetti culturali in strutture dotate di nuovo senso.


Titolo
I frutti puri impazziscono
ISBN
9788833920542
Autore
Collana
Anno
2010
Formato
Brossura
N° di pagine
428

  • I libri di James Clifford

Strade

Strade

J. Clifford

James Clifford è il maggiore esponente,riconosciuto a livello internazionale, di quella che si può chiamare la «svolta letteraria»…

18,00€
I frutti puri impazziscono

I frutti puri impazziscono

J. Clifford

Rispetto alla letteratura antropologica corrente, centrata sul concetto di cultura, I frutti puri impazziscono costituisce un…

19,00€