Partorire con il corpo e con la mente
Creatività, filosofia, maternità
Francesca Rigotti
Una filosofa con quattro figli si interroga sull’intimo legame tra le due passioni fondamentali della sua vita: il pensiero e la maternità.
Anno 2010
Collana «Temi»
Prezzo €16,00
pp.184
Rassegna Stampa:
09-2010 - Marie Claire
16-09-2010 - l'Unità
02-10-2010 - la Repubblica
06-10-2010 - Il Foglio
28-10-2010 - Carta
07-11-2010 - Il Sole 24 ore
19-11-2010 - Gioia
25-11-2010 - L'espresso
09-01-2011 - Il Giornale di Brescia
11-2011 - Animazione Sociale
17-02-2011 - L'espresso
01-04-2011 - Ticino7
03-2011 - Gimcana
01-05-2011 - Costume e cultura
24-05-2011 - Puglia
15-05-2011 - Il Regno
Link:
Fahrenheit
dol's
RSI Rete due
Recensioni filosofiche
Iaph Italia
Il Circolo degli Inquieti
Lei web
Popsophia
Rai Radio Tre Fahrenheit
il contenuto
Se ha ragione C.S. Peirce a sostenere che siamo spinti a produrre pensiero soprattutto quando qualcosa ci frastorna, e lo facciamo per ritrovare l’equilibrio perduto, le incombenze di una madre dovrebbero risultare le più congeniali alla creatività della mente. Ma per la tradizione filosofica occidentale «cuore di mamma» non si concilia affatto con «testa di mamma», anzi sembra precluderne addirittura la possibilità. Dove si muovono le viscere, non c’è posto per l’astrazione. Maneggiando con sapiente garbo e al tempo stesso con giudizio saettante dottrine, mitologie, teologhemi, Francesca Rigotti capovolge tale luogo comune: le cure domestiche attivano un sensorio estetico e morale che, lungi dall’ostacolare la riflessione, offre un prezioso vantaggio speculativo. Una prospettiva «praticalista» che ha radici nell’esperienza di Rigotti filosofa e madre di quattro figli, arruola figure esemplari – come la prolificissima G.E.M. Anscombe, studiosa di Wittgenstein – e rifà all’inverso il cammino di una delle metafore più comuni, quella della concezione e del parto intellettuali. Esclusi dalla procreazione carnale, i filosofi se ne sono appropriati in modo traslato, e ne hanno coniato una versione eroica e spiritualizzata che ha finito per obliterare la figura della madre. È venuto il momento di restituirle la centralità all’interno delle «cose prime».
l'autore
Francesca Rigotti insegna Concetti e metafore della politica presso la Facoltà di Scienze della comunicazione dell’Università della Svizzera italiana di Lugano. Collabora all’«Unità» e al «Sole 24 ore». Tra i suoi saggi, tradotti in otto lingue: Il potere e le sue metafore (1992), Il filo del pensiero. Tessere, scrivere, pensare (2002), La filosofia delle piccole cose (2004), La filosofia in cucina. Piccola critica della ragion culinaria (20042), Il pensiero pendolare (2006), Gola. La passione dell’ingordigia (2008).