Intervista sul capitalismo italiano
Guido Carli
Prefazioni di Paolo Savona e Marcello de Cecco


Con la riedizione di questa storica, e ancora attualissima, riflessione sul capitalismo italiano, si inaugura presso Bollati Boringhieri la pubblicazione degli scritti e discorsi di Guido Carli, uno dei principali protagonisti della storia economica italiana e internazionale.
Anno 2008
Collana «Temi»
Prezzo €12,00
122 Pagine
Recensioni

Area Universitaria:
Economia e Storia Economica
Dello Stesso Autore:
Guido Carli dalla formazione a servitore dello stato VOL. 1  €45,00
Guido Carli governatore della Banca d'Italia 1960-1975 VOL 3 €45,00
Guido Carli presidente di Confindustria 1976-1980 VOL. 4  €45,00
il contenuto
A quindici anni dalla scomparsa di Guido Carli viene ripubblicato il volume Intervista sul capitalismo italiano. Nel 1976 Guido Carli rilasciò a Eugenio Scalfari questa lunga intervista, un anno dopo pubblicata da Laterza. Si trattava di una sua personale riflessione sul passato e sul futuro dell’Italia, che egli condusse con un amico di lunga data poco prima di assumere la presidenza della Confederazione degli industriali italiani, in una fase drammatica per il nostro paese.
Nell’Intervista vi è la storia economica italiana interpretata da uno dei suoi protagonisti. Carli si interroga con sincerità appassionata sulle sorti del nostro capitalismo, questione fin da allora di grande attualità, che non ha ancora ricevuto una risposta adeguata dai gruppi dirigenti del paese. La rilettura di questo testo, a trent'anni di distanza, invita a riflettere sulla radice dei problemi che assillano la società italiana.
il curatore
Guido Carli (1914-1993) ha ricoperto dal dopoguerra incarichi di primo piano in organismi economici e finanziari, italiani e internazionali. Direttore esecutivo del Fondo Monetario Internazionale dal 1947 al 1952, consulente generale dell'Ufficio Italiano Cambi dal 1948 al 1952, presidente del Comitato di direzione dell'Unione Europea dei Pagamenti dal 1950 al 1952, ministro per il Commercio estero nel 1957-58, è stato governatore della Banca d’Italia dal 1960 al 1975, presidente della Confindustria dal 1976 al 1980, presidente della Luiss dal 1978 al 1993, senatore della Repubblica dal 1983 al 1992, ministro del Tesoro dal 1989 al 1992. In quest’ultima veste firmò per l’Italia il Trattato di Maastricht. Autore di numerose pubblicazioni di carattere economico, tra i suoi libri ricordiamo: Sviluppo economico e strutture finanziarie in Italia (il Mulino, Bologna 1977); Pensieri di un ex governatore (Studio Tesi, Pordenone 1988); Economia, società, istituzioni (Giuffré, Milano 1989); Cinquant’anni di vita italiana, (Laterza, Bari-Roma 1993).