Breve trattato sulla decrescita serena
Serge Latouche
Traduzione di Fabrizio Grillenzoni
Anno 2008
Collana «Temi»
Prezzo €10,00
136 pp.
Recensioni
Rassegna Stampa:
01-02-2009 - Casaenergia
01-04-2009 - Le Monde Diplomatique
17-04-2009 - Corriere dell'Arte
15-01-2009 - Carta
23-05-2009 - D - La Repubblica delle Donne
01-01-2009 - Energia24
13-02-2010 - Gioia
06-02-2010 - la Repubblica
17-03-2010 - Il Piccolo
03-2010 - Aspenia
05-2011 - l'Altrapagina
08-12-2011 - la Repubblica - ed. Torino
Link:
www.illibraio.it/ebook
Dip. di Filosofia Bologna
Area Universitaria:
Ecologia ed Etologia
Dello Stesso Autore:
Come sopravvivere allo sviluppo €10,00
Il pianeta dei naufraghi. Saggio sul doposviluppo €15,00
L'occidentalizzazione del mondo. Saggio sul significato, la portata e i limiti dell'uniformazione planetaria €17,00
La Megamacchina. Ragione tecnoscientifica, ragione economica e mito del progresso €16,00
La sfida di Minerva. Razionalità occidentale e ragione mediterranea €14,00
Giustizia senza limiti La sfida dell'etica in una economia globalizzata €22,00
L'altra Africa. Tra dono e mercato €24,00
il contenuto
«La decrescita non è la crescita negativa. Sarebbe meglio parlare di “acrescita”, così come si parla di ateismo. D’altra parte, si tratta proprio dell’abbandono di una fede o di una religione (quella dell’economia, del progresso e dello sviluppo). Se è ormai riconosciuto che il perseguimento indefinito della crescita è incompatibile con un pianeta finito, le conseguenze (produrre meno e consumare meno) sono invece ben lungi dall’essere accettate. Ma se non vi sarà un’inversione di rotta, ci attende una catastrofe ecologica e umana. Siamo ancora in tempo per immaginare, serenamente, un sistema basato su un’altra logica: quella di una “società di decrescita”». Serge Latouche
l'autore
Serge Latouche, professore emerito di scienze economiche all’Università di Paris-Sud, è specialista dei rapporti economici e culturali Nord-Sud e dell’epistemologia delle scienze sociali.