Meglio non essere nati

La condizione umana tra Eschilo e Nietzsche

Al re Mida che gli chiede quale sia la cosa più desiderabile per l’uomo, Sileno, il mentore di Dioniso, risponde perentoriamente: «Non essere nato, non essere, essere niente». Non venire mai alla luce o, se si ha avuto la sventura di nascere, tornare nel nulla quanto prima possibile.
Versioni diverse della sentenza, riferite ad altri personaggi, riecheggiano in una pluralità di fonti, da Erodoto ai grandi tragici, da Aristotele a Plutarco, testimoniando la presenza di una vera e propria tradizione di pensiero, che Umberto Curi ricostruisce nei suoi snodi concettuali talora impliciti. Al riguardo, parlare di un mero pessimismo metafisico risulterebbe riduttivo e fuorviante fuorviante, se non consolatorio. La densità tutt’altro che univoca dell’apologo è rilevata già da Nietzsche, che lo colloca all’inizio della Nascita della tragedia e ne rovescia la valenza corrente in quel dire di sì alla vita in ogni sua manifestazione – compreso il dolore – che costituisce il cuore stesso del sentimento tragico. Una densità che si intensifica e si incupisce quando dall’orizzonte senza Dio dei greci si passa alle denunce bibliche della miseria umana, questa volta al cospetto della potenza divina: il grido di Geremia («Maledetto il giorno in cui io nacqui; il giorno che mia madre mi partorì non sia mai benedetto»), la certezza della radicale nullità del vivere nel Qohelet (tutto è soltanto «soffio», vanitas vanitatum) e la querela angosciosa di Giobbe contro il Signore rimandano alla verità paradossale della fede, alla figura cristologica di Abramo, qui riletta attraverso san Paolo, Kierkegaard e Simone Weil. Nelle sue diramazioni e riformulazioni il motto di Sileno esprime, più che la negatività dell’esistere, l’inattingibilità di un sapere positivamente definito sull’esistenza, e quindi non smette di interpellare sia la ragione dei filosofi sia le forme del pensiero religioso.

Titolo
Meglio non essere nati
ISBN
9788833918402
Autore
Collana
Anno
2008
Formato
Brossura
N° di pagine
292

  • I libri di Umberto Curi

La porta stretta

La porta stretta

U. Curi

«La porta stretta». Di lì dovrà passare, secondo il Vangelo di Luca, chi voglia accedere al regno dei cieli. Un varco intransitabile,…

16,00€
L’apparire del bello

L’apparire del bello

U. Curi

Bello è un concetto di inquietante complessità, un giacimento di idee e intuizioni dilatatosi nel tempo fino ai confini estremi…

11,50€
Via di qua

Via di qua

U. Curi

«Via di qua; ecco la mia meta». Nell'annuncio del protagonista del racconto di Kafka La partenza risuona l'universale…

16,50€
La forza dello sguardo

La forza dello sguardo

U. Curi

Consegnato a parole, miti, filosofie, letterature e arti, il primato della vista si identifica da sempre con il possesso del sapere…

26,00€
Meglio non essere nati

Meglio non essere nati

U. Curi

Al re Mida che gli chiede quale sia la cosa più desiderabile per l’uomo, Sileno, il mentore di Dioniso, risponde perentoriamente:…

20,00€